Teaser Cryo Treatment
at -110 °C
Choose a language

La storia di due saune: calda e fredda

Sebbene il caldo estremo e il freddo estremo possano trovarsi ai limiti opposti dello spettro di temperature, in termini di benessere entrambi offrono enormi benefici per la nostra salute fisica.

Il caldo estremo della sauna (di norma attorno a 80°C, ma anche fino a più di 110°C per i veri cultori di questo trattamento) è la più nota delle applicazioni nella terapia del calore. Oggi, nessuna struttura di benessere che si rispetti, dai lussuosi centri benessere a 5 stelle ai centri fitness locali, potrebbe farne a meno.

Vi sono prove di alcune sauna, dette tende del sudore (sweat lodges), risalenti all'Età della pietra e utilizzate comunemente dalle antiche tribù Maya e Inca del Sud America. 

L'invenzione della tradizionale sauna in legno, come la conosciamo oggi, è ampiamente accreditata ai finlandesi.  Questa piccola scatola calda attirò l'attenzione mondiale per la prima volta in occasione delle Olimpiadi di Berlino del 1936, quando la squadra finlandese ne realizzò una nei propri alloggi del Villaggio olimpico e si pensò che una parte del successo sportivo della squadra fosse da attribuire al suo utilizzo.

Anche la terapia del freddo ha un suo posto nella storia e il suo impiego può essere fatto risalire fino ai tempi degli antichi Greci, mentre è noto che gli antichi Egizi utilizzavano particolari impacchi freddi per alleviare il dolore.

Questo tipo di terapia si affermò definitivamente nei secoli XVIII e XIX in nord Europa, in particolare in Germania e Austria, dove abitualmente si utilizzavano alcune forme di idroterapia del freddo o, addirittura, bagni freddi per il trattamento di vari disturbi.

Attorno a quel periodo, un prete bavarese chiamato Sebastian Kneipp (1821-1897) ebbe l'idea di utilizzare insieme temperature calde e fredde per promuovere il benessere. La terapia di Kneipp viene ancora ampiamente usata nei centri benessere europei e prevede l'uso alternato di docce, bagni e impacchi caldi e freddi.

Una terapia del freddo completamente moderna

Ad ogni modo, mentre la maggior parte delle persone può immaginare l'idea di sudare in una sauna o fare una breve immersione pungente in una vasca di acqua ghiacciata, il concetto di Cold Sauna (che, con una temperatura massima di -110°C, è l'esatto opposto di una normale sauna che potenzialmente può raggiungere una temperatura di +110°C) offre una nuova avventura generale di benessere, e un piccolo atto di fede verso l'ignoto.

La crioterapia a corpo intero  (o Cold Sauna) è stata inventata dal professor Toshiro Yamauchi nel 1980 come trattamento per l'artrite reumatoide, mentre le prime sauna fredde fecero la loro comparsa in Europa a partire dal 1984, introdotte dal reumatologo tedesco, Prof. Reinhard Fricke.

Dall'inizio del nuovo millennio, l'uso dell'unità per Cold Sauna in stile moderno, come incarnata dalla camera icelab prodotta da Zimmer MedizinSysteme, si sta espandendo dai settori dell'allenamento sportivo e del turismo medico e sanitario al settore delle residenze benessere di lusso, offrendo benefici enormi e diversificati a tutti coloro che la utilizzano.

Allora, gli ospiti del vostro centro benessere sono pronti per un'avventura nel freddo? Non c'è bisogno che si congelino i piedi. Esattamente come la vostra sauna calda non fa bollire i clienti come uova, promettiamo che la nostra icelab non li farà neanche diventare dei ghiaccioli!